X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 16 febbraio 2020

FISCO

Per le fatture soggettivamente inesistenti non serve la «collusione»

La collusione tra emittente e utilizzatore potrebbe assumere rilevanza unicamente nel caso di frodi carosello

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 24 agosto 2019

Il reato di dichiarazione fraudolenta mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, di cui all’art. 2 del DLgs. 74/2000, può essere integrato anche nel caso di “inesistenza soggettiva”.

Ai sensi dell’art. 1 comma 1 lett. a) del DLgs. 74/2000, infatti, si intende per “fatture o altri documenti per operazioni inesistenti” le fatture o gli altri documenti aventi rilievo probatorio analogo in base alle norme tributarie, emessi a fronte di operazioni non realmente effettuate in tutto o in parte o che indicano i corrispettivi o l’imposta sul valore aggiunto in misura superiore a quella reale, ovvero che riferiscono l’operazione a soggetti diversi da quelli effettivi.

La terza sezione penale della Cassazione, nella sentenza n. 36359 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU