X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Senza dolo specifico niente omessa dichiarazione per il prestanome

Per la responsabilità penale non può essere sufficiente la mera assunzione della carica

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 29 agosto 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per la Cassazione la responsabilità dell’amministratore di diritto per il reato di omessa dichiarazione ex art. 5 del DLgs. 74/2000 non può discendere unicamente dall’aver egli consapevolmente assunto la qualifica di legale rappresentante, secondo quanto risulta dall’atto di costituzione della società.

Nella sentenza n. 36474, depositata ieri, i giudici di legittimità precisano che nei reati omissivi propri il vero soggetto qualificato non è il prestanome, ma colui il quale effettivamente gestisce la società, perché solo lui è in condizione di compiere l’azione dovuta, mentre il prestanome medesimo è un “extraneus” la cui corresponsabilità può essere contestata in virtù della posizione di garanzia che discende dall’art. 2392 c.c. Tale ultima norma stabilisce,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU