X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Limiti temporali all’insinuazione dei crediti prededucibili contestati

Esigenze di speditezza e concentrazione anche nel Codice della crisi e dell’insolvenza

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 2 ottobre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con la sentenza n. 17594/2019, ha stabilito che l’art. 111-bis comma 1 del RD 267/42 riguarda indistintamente i crediti prededucibili, sorti prima o dopo la dichiarazione di fallimento, restando esclusi solo quelli non contestati per collocazione e ammontare (anche se maturati durante l’esercizio provvisorio) e quelli sorti dopo provvedimenti di liquidazione di compensi dei soggetti nominati ex art. 25 del RD 267/42.

In forza dei principi di speditezza e concentrazione dell’accertamento del passivo fallimentare, il riferimento alle “modalità di cui al capo V” (ossia, alle regole di accertamento del passivo ex artt. 92-102 del RD 267/42) include anche i termini previsti per le domande tempestive e tardive. A tali termini sono soggetti anche i crediti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU