X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 22 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Valido l’accertamento antielusivo senza richiesta di chiarimenti

Erosa la perentorietà della norma, che impone precise garanzie procedimentali

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Giovedì, 26 settembre 2019

Il mancato rispetto delle norme in tema di contraddittorio preventivo, anche quando la loro violazione sia sanzionata dalla legge con la nullità del successivo atto di accertamento, non rileva se, in concreto, non sussistono elementi per ritenere leso il diritto di difesa del contribuente.
È questa la posizione, particolarmente sostanzialista, che emerge dalla sentenza della Cassazione n. 23854, depositata ieri.

Il giudizio trae origine da una contestazione antielusiva mossa ai sensi del “vecchio” art. 37-bis del DPR 600/1973; nella fattispecie l’ufficio aveva ritenuto elusiva la concessione in locazione di un bene immobile infragruppo e, per l’effetto, considerato inopponibile al fisco la deduzione dei canoni di locazione in capo alla società locatrice, ai sensi dell’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU