X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 29 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Debitore d’imposta doganale anche il dipendente della casa di spedizione

La partecipazione all’introduzione irregolare della merce può essere anche indiretta

/ Lorenzo UGOLINI

Sabato, 12 ottobre 2019

È debitore d’imposta a seguito di inosservanza della normativa doganale non solo colui che ha contribuito direttamente all’introduzione irregolare delle merci, ma anche colui che vi ha partecipato indirettamente e che sapeva o avrebbe dovuto, secondo ragione, sapere della violazione.
In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza n. 22747/2019, che ha esteso al dipendente di una casa di spedizione la responsabilità dei maggiori diritti accertati.

Da indagini dell’Agenzia delle Dogane era emersa l’irregolarità di diverse importazioni, le quali riportavano dichiarazioni con valori inferiori rispetto a quelli reali e risultavano effettuate da società di comodo.
L’Ufficio aveva così emesso avvisi di rettifica nei confronti del reale importatore, nonché

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU