X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Attivata la procedura per comunicare lo sconto in fattura

/ REDAZIONE

Venerdì, 18 ottobre 2019

Da ieri pomeriggio, 17 ottobre 2019, è stata attivata nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate la procedura per comunicare l’opzione per ottenere lo sconto sul corrispettivo in luogo della detrazione fiscale spettante nel caso siano stati realizzati interventi di riqualificazione energetica o interventi antisismici di cui agli artt. 14 e 16 del DL n. 63/2013.

La novità è contenuta nei commi 1 e 2 dell’art. 10 del DL 34/2019 e consiste nella possibilità di ottenere uno sconto in fattura di importo pari all’ammontare della detrazione spettante, in base alle spese sostenute entro il 31 dicembre del periodo d’imposta di riferimento.

L’esercizio dell’opzione, si ricorda, deve essere effettuata d’intesa con il fornitore in quanto è quest’ultimo che deve anticipare al contribuente l’importo della detrazione spettante.
Per poter ottenere lo sconto, quindi, i soggetti che hanno diritto alla detrazione fiscale devono comunicare l’esercizio dell’opzione entro il 28 febbraio dell’anno successivo a quello di sostenimento delle spese, accedendo all’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate. Quindi, in relazione alle spese sostenute per i suddetti interventi nell’anno 2019 la comunicazione può già essere trasmessa agli Uffici.

In alternativa, la comunicazione può essere inviata per il tramite degli uffici dell’Agenzia, utilizzando l’apposito modello (tale modulo può essere inviato anche via PEC, sottoscritto dal soggetto che ha esercitato l’opzione, con il relativo documento d’identità).

TORNA SU