X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 19 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nella fattura per riscatto anticipato IVA pari al solo «prezzo finale»

L’Agenzia delle Entrate ha affrontato il trattamento IVA dell’opzione di riscatto anticipato nei contratti di leasing

/ Sara BERNARDI e Emanuele GRECO

Venerdì, 8 novembre 2019

Nelle operazioni di riscatto anticipato di un bene in leasing, la base imponibile IVA è costituita solo dal “prezzo finale”, non aumentato dei canoni leasing fatturati anticipatamente, per i quali – ai sensi dell’art. 6 comma 4 del DPR 633/72 – l’IVA è divenuta già esigibile in relazione alla prestazione da considerarsi effettuata interamente e in via definitiva.
La società di leasing concedente, laddove abbia fatturato anticipatamente i canoni, emetterà fattura a seguito del riscatto per il solo “prezzo finale”, definito contrattualmente. L’operazione relativa all’intero ammontare dei canoni mensili di leasing, per i quali è già stata emessa fattura, si considera ai fini IVA già realizzata.
La fattispecie è stata affrontata e analizzata dalla DRE

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU