X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 8 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Simulazione della vendita per nascondere la donazione da dimostrare

/ Anita MAURO

Mercoledì, 6 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ove il defunto, prima della morte, abbia venduto un bene ad uno dei propri figli, ma gli altri figli (nonché eredi) ritengano che la vendita fosse simulata e nascondesse, in verità, una donazione, possono esperire diverse azioni per cercare di “recuperare” il bene donato.

In primo luogo, gli eredi potrebbero chiedere al fratello la collazione della donazione.
Si ricorda che la collazione (art. 737 c.c.) è un’operazione divisionale, cui sono tenuti i discendenti ed il coniuge che concorrono alla successione, i quali sono tenuti a conferire nell’asse ereditario quanto hanno ricevuto dal de cuius in donazione (diretta o indiretta), salvo che il defunto stesso non li abbia da ciò dispensati, sul presupposto che le donazioni configurino un’anticipazione della successione.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU