X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La Cassazione ribadisce la prorogatio per i sindaci dimissionari

L’orientamento è però stato espresso ancora una volta in relazione alla disciplina previgente

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 16 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

È applicabile ai sindaci il principio della prorogatio previsto dall’art. 2385 c.c. esclusivamente per gli amministratori. Ad affermarlo è la Cassazione, nella sentenza n. 29719, depositata ieri, ancora una volta in applicazione della disciplina previgente, adottando una soluzione che in quella attuale presenterebbe profili sicuramente problematici.

La decisione in commento ricorda come tale conclusione sia stata recentemente sostenuta dalla Cassazione n. 9416/2017. Tale decisione, tuttavia, come altri precedenti di legittimità (cfr. Cass. nn. 6788/2012 e 941/2005), non sono apparsi determinanti in merito alla controversa questione della prorogatio dei sindaci dimissionari in quanto attinente a questioni cui trovava applicazione la diversa disciplina previgente.

In esito alla riforma del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU