X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

L’esito positivo della messa in prova salva dalla confisca

/ REDAZIONE

Giovedì, 21 novembre 2019

La Cassazione, nella sentenza n. 47104/2019, ha precisato che, ove il reato tributario (nella specie, l’omesso versamento IVA) sia dichiarato estinto per l’esito positivo della “messa alla prova” (applicabile, tra l’altro, ai reati puniti con pena edittale detentiva non superiore nel massimo a quattro anni), non può essere disposta la confisca per equivalente del relativo profitto ex art. 12-bis del DLgs. 74/2000.

Questa, infatti, quale misura tipicamente sanzionatoria penale, può conseguire esclusivamente a una sentenza di condanna o di patteggiamento, quale non è la sentenza con la quale, ex artt. 464-septies c.p.p. e 168-ter c.p., è dichiarato estinto il reato per l’esito positivo della prova.

TORNA SU