X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Liquidazione dell’immobile ipotecato del sovraindebitato dubbia

Permane il dibattito tra le corti di merito, in attesa della soluzione positiva introdotta dal Codice della Crisi

/ Chiara CRACOLICI e Alessandro CURLETTI

Martedì, 10 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La questione relativa all’ammissibilità di una domanda di liquidazione del patrimonio ex artt. 14-ter ss. della L. n. 3/2012 presentata da un debitore in stato di sovraindebitamento, il cui unico cespite liquidabile, oltre alla quota parte del proprio reddito calcolata ex art. 14-ter, comma 6, lett. b) era rappresentato da un bene immobile gravato da ipoteca volontaria a favore dell’istituto di credito mutuante, nonché oggetto di un procedimento di esecuzione immobiliare, è stata di recente affrontata dal Tribunale ordinario di Torino, con il decreto del 17 gennaio 2019. La questione è stata nello specifico risolta in senso negativo.

Interessanti e particolarmente degne di nota appaiono le considerazioni svolte dal giudice nel decreto. Una premessa fattuale è d’ordine al fine ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU