X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 gennaio 2020

NOTIZIE IN BREVE

Eccedenze contributive da pagare alla CNPADC entro il 20 dicembre, disponibili i bollettini MAV

/ REDAZIONE

Mercoledì, 11 dicembre 2019

Con un comunicato pubblicato sul proprio portale, la Cassa nazionale dei dottori commercialisti (CNPADC) rende noto che i bollettini MAV, relativi alle eccedenze contributive 2019, sono disponibili nella sezione “Documenti” dei Servizi Online.
L’importo del contributo in eccedenza rispetto al minimo è stato determinato con i dati reddituali relativi al 2018, che ogni iscritto ha dovuto comunicare, entro il 3 dicembre, attraverso il servizio on line PCE 2019.

Il versamento dell’intero importo, o della prima rata in caso di scelta di pagamento rateale, dovrà essere effettuato entro il 20 dicembre, mentre la seconda, la terza e la quarta rata dovranno essere pagate rispettivamente entro il 31 marzo, il 30 giugno e il 30 settembre dell’anno successivo a quello di comunicazione (vale a dire nel 2020).
Il versamento potrà essere eseguito sia attraverso il modello MAV che con l’addebito diretto in conto corrente con il sistema SDD (Sepa direct debit).

Si ricorda che i termini di comunicazione dei dati reddituali riferiti al 2018, nonché quelli di versamento delle eccedenze contributive, hanno subito, per l’anno 2019, uno slittamento rispettivamente al 3 dicembre (in luogo del 15 novembre) e al 20 dicembre (invece che il 15 dicembre).
Tale slittamento, disposto dal Consiglio di amministrazione del CNPADC, è stato reso necessario a seguito della proroga dei termini per la dichiarazione dei redditi; dunque, a partire dal prossimo anno, ritornerà a essere rispettato quanto stabilito dall’art. 18 del Regolamento unitario.

TORNA SU