X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Lavoro intermittente per gestire incrementi di attività temporanei

Questo tipo di contratto non risente delle limitazioni riguardanti la durata, le proroghe e i rinnovi previsti invece per il lavoro a tempo determinato

/ Angela FUSCO

Giovedì, 12 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il contratto di lavoro intermittente, previsto sia a tempo indeterminato che determinato, sfugge alle rigidità introdotte dal DL 87/2018 (c.d. “decreto dignità”), consentendo di gestire la prestazione lavorativa per necessità temporanee dovute a esigenze di vario genere. Difatti il lavoro intermittente, anche detto a chiamata, non risente delle limitazioni riguardanti la durata, le proroghe e i rinnovi previsti invece per il lavoro a tempo determinato.

Disciplinato dall’art. 13 e ss. del DLgs. 81/2015, con il contratto di lavoro intermittente un lavoratore si pone a disposizione del datore di lavoro, che ne utilizzerà la prestazione lavorativa in modo discontinuo o intermittente a seconda delle esigenze, anche in periodi predeterminati nell’arco della settimana, mese

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU