X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 22 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Rinuncia all’eredità problematica per Fisco e contribuenti

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 13 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il decesso della persona fisica comporta diversi problemi sul versante processuale tributario, specie quando il chiamato all’eredità intenda rinunciarvi.

Infatti, se, tendenzialmente, si può affermare che la rinuncia comporta l’estraneità del chiamato in ordine a ogni debito tributario facente capo al de cuius, non si può dimenticare che la rinuncia, entro i termini di prescrizione, può sempre essere revocata.
Questo fatto, in presenza di certe circostanze e riscontrato un evidente intento elusivo, ha indotto taluna giurisprudenza a sancire addirittura l’inopponibilità della rinuncia nei confronti del Fisco (C.T. Reg. Roma 29 dicembre 2011 n. 229/35/11).

Entrambe le parti (ente impositore e contribuente) devono agire con cautela, sussistendo rischi per entrambi.
L’Agenzia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU