X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Costituzione di comunione volontaria e divisione con imposta di registro all’1%

L’Amministrazione finanziaria fornisce il chiarimento nella risposta a interpello n. 526

/ Anita MAURO

Sabato, 14 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La risposta a interpello n. 526 dell’Agenzia delle Entrate, pubblicata ieri, fa riferimento ad un caso piuttosto peculiare, ma è interessante perché sembra confermare l’applicabilità agli atti di divisione, dell’aliquota dell’imposta di registro dell’1% prevista per gli atti dichiarativi dall’art. 3 della Tariffa, parte I, allegata al DPR 131/86 (pur in assenza di ogni riferimento alla recente sentenza a Sezioni Unite n. 25021/2019, con cui la Cassazione ha negato, dal punto di vista civilistico, natura dichiarativa alla divisione della comunione ereditaria).

Nel caso di specie, due fratelli (Caio e Filano), intendono procedere alla divisione della comunione (in realtà, come si illustrerà, si tratta di due diverse comunioni) tra di essi esistente, avente ad ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU