X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 10 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ribadita la legittimità della notifica diretta della cartella a mezzo posta

La Consulta ha ritenuto nuovamente infondata la questione in caso di mancata comunicazione dell’avvenuta notifica

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Sabato, 4 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte Costituzionale, con l’ordinanza n. 2 depositata ieri, ha ritenuto manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale degli artt. 26 comma 1 del DPR 602/73, 14 della L. 890/82 e 1 comma 161 della L. 296/2006 (“nella parte in cui, ammettendo la notificazione diretta degli atti impositivi e dei ruoli da parte degli Uffici Finanziari Erariali e Locali nonché degli Enti di riscossione a mezzo servizio postale di raccomandata con ricevuta di ritorno, escludono a tale forma di notifica la applicazione delle modalità di cui alla legge n. 890/1982”) sollevata dalla C.T. Reg. Campania con l’ordinanza n. 67/2019, con riguardo agli artt. 3, 23, 24, 97, 111 e 11 Cost. (quest’ultimo anche in relazione all’art. 6 della CEDU).
La Consulta richiama ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU