X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 28 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Retribuzioni convenzionali 2020 suddivise in fasce per settori omogenei

Rimane, però, il «nodo» della giurisprudenza di Cassazione, che disconosce il beneficio ai fini previdenziali

/ Andrea COSTA e Massimo NEGRO

Venerdì, 10 gennaio 2020

Con il DM 11 dicembre 2019, recentemente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sono state stabilite le retribuzioni convenzionali per i lavoratori all’estero per i periodi di paga 2020.

Sotto il profilo fiscale, le retribuzioni convenzionali rilevano per l’applicazione del regime di tassazione previsto dall’art. 51 comma 8-bis del TUIR, riservato ai soggetti che prestano la loro attività all’estero in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto per un periodo superiore a 183 giorni nell’arco dei 12 mesi (anche in più Stati, come indicato dalla risposta ad istanza di consulenza giuridica della DRE Emilia Romagna n. 909-4/2019, e indipendentemente dalla residenza italiana o estera del datore di lavoro).

L’agevolazione, riservata ai lavoratori che mantengono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU