Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Transazione del debito non sempre imponibile ai fini IRAP

/ Luca FORNERO

Giovedì, 16 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le riduzioni di debiti iscritti in bilancio a seguito di intervenuti accordi transattivi determinano la rilevazione di una sopravvenienza attiva il cui trattamento, ai fini IRAP, non appare sempre immediato.
Ovviamente, nessun problema si pone per le società di persone commerciali e gli imprenditori individuali, atteso che l’art. 5-bis del DLgs. 446/97 non contempla tali proventi tra quelli rilevanti ai fini della determinazione della base imponibile.

Ciò premesso, per le società di capitali (diverse da intermediari finanziari e assicurazioni) e i soggetti IRPEF in regime naturale, il primo aspetto da considerare riguarda il relativo trattamento contabile.
Il documento OIC 12 (§ 84) affronta la tematica soltanto con riferimento alle riduzioni di crediti iscritti in bilancio a seguito di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU