X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 30 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

La trasparenza del trust deve sempre essere verificata

Le diverse connotazioni che il trust può assumere in relazione all’individuazione dei beneficiari rendono applicabile con difficoltà la norma

/ Maurizio CASALINI

Venerdì, 24 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il comma 1 dell’art. 73 del TUIR, include i trust, in quanto enti titolari di autonoma capacità contributiva e riconosce ai medesimi la soggettività tributaria, tra i soggetti ad IRES, distinguendo tra trust residenti svolgenti attività commerciale, trust residenti non esercenti tali attività e trust non residenti.

Una deroga alla regola della soggettività ad IRES del trust è prevista dal comma 2 dell’art. 73 del TUIR, applicabile esclusivamente nel caso in cui l’atto istitutivo, o altri documenti integrativi perfezionati successivamente all’istituzione, individuino i beneficiari. In tale ipotesi, i redditi conseguiti dal trust “sono imputati” a questi ultimi in proporzione alla quota di partecipazione di ciascuno o, se non specificata, in parti uguali.

Al ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU