X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 gennaio 2020

ECONOMIA & SOCIETÀ

Il leggero calo della pressione fiscale sulle famiglie non compensa lo shock del 2012

Secondo uno studio dei commercialisti, sono state le più penalizzate. Ma negli ultimi anni i redditi medi sono tornati a crescere

/ Savino GALLO

Mercoledì, 15 gennaio 2020

La manovra varata dal Governo avrà un impatto positivo, seppur molto contenuto, sulla pressione fiscale delle famiglie italiane, ma non ancora abbastanza per assorbire lo shock fiscale subito nel 2012. È quanto emerge dall’Osservatorio economico del Consiglio e della Fondazione nazionale dei commercialisti, che ha analizzato la pressione fiscale delle famiglie sulla base di dati ISTAT di contabilità nazionale e delle entrate tributarie mensili, elaborando il gettito delle singole imposte.

A differenza della pressione fiscale generale, che dal 2014 è sempre stata in diminuzione, quella sulle famiglie, che rappresenta il 17,82% del Pil, è aumentata nel 2014 (+0,22%) e 2015 (+0,30%), per poi cominciare a ridursi nel 2016 (-0,46%) e nel 2017 (-0,17%), fino a stabilizzarsi nel 2018 e nel 2019. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU