ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Enti del Terzo settore con possibile asimmetria tra imposte dirette e IVA

Il DLgs. 117/2017 prevede un regime IVA forfetario soltanto per alcuni enti

/ Francesco NAPOLITANO

Venerdì, 17 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Codice del Terzo settore (CTS), di cui al DLgs. 117/2017, ha introdotto nel nostro ordinamento una serie di regimi fiscali agevolati a cui i futuri enti del Terzo settore (ETS) potranno aderire in funzione delle valutazioni di convenienza che ciascuno effettuerà, soprattutto in base alla diversa natura giuridica dell’ente, con relativa iscrizione nella apposita sezione del Registro unico del Terzo settore (RUNTS).

Peraltro, vi è da dire che i vari regimi fiscali, inseriti nel Titolo X del DLgs. 117/2017, trattano particolarmente della formazione del reddito d’impresa degli ETS, omettendo quasi del tutto la disciplina IVA, laddove questa è solo indicata nell’art. 86 (regime forfetario delle organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale), ancorché in ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU