X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 30 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

L’omessa pubblicità sul portale delle vendite non estingue le procedure concorsuali

Il Notariato si sofferma sull’applicazione dell’art. 631-bis c.p.c. e sulla compatibilità tra esecuzioni e disciplina fallimentare

/ Tommaso NIGRO

Venerdì, 17 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In materia di esecuzioni immobiliari l’obiettivo perseguito dal legislatore di incrementare la trasparenza e l’accesso alle procedure di vendita giudiziali è stato completato con l’introduzione del Portale delle vendite pubbliche che, poi, null’altro è che l’adeguamento normativo alle diffuse prassi virtuose che si erano nel tempo radicate presso i Tribunali.

La disciplina codicistica è stata innovata dal DL 83/2015, che ha ridisegnato il sistema pubblicitario attraverso la modifica del comma 1 dell’art. 490 c.p.c., che prevede ora, in luogo della inutile e anacronistica pubblicazione dell’avviso di vendita all’albo del Tribunale, una più innovativa e penetrante pubblicità da attuarsi sul sito del Ministero della Giustizia, in un’area appositamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU