X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 28 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Errata cessazione della materia del contendere da impugnare

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 29 gennaio 2020

Talvolta si assiste ad una sorta di confusione concettuale sulla natura giuridica dell’estinzione del processo tributario, che può avvenire, rispettivamente, per rinuncia al ricorso, inattività delle parti e cessazione della materia del contendere (artt. 44, 45 e 46 del DLgs. 546/92).
La menzionata confusione si può creare tra la rinuncia al ricorso e la cessazione della materia del contendere.

Quest’ultima può verificarsi in un numero imprecisato di situazioni, le più frequenti delle quali consistono nella definizione del processo per condono e nell’annullamento in autotutela dell’atto impugnato. Ma la materia del contendere può cessare, ad esempio, in altri casi, come l’annullamento del debito per effetto di legge eccezionale (si pensi all’art. 4 del DL 119/2018) ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU