X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 28 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Sopravvenienze da concordati alle prese coi controlli automatizzati

/ Alessandro SAVOIA

Sabato, 8 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel corso del 2015, il legislatore è intervenuto per modificare le disposizioni in tema di detassazione delle sopravvenienze attive derivanti dalla riduzione dei debiti in sede di concordato preventivo in continuità.

In particolare, per effetto dell’art. 13 del DLgs. 147/2015, è stato modificato l’art. 88 del TUIR aggiungendo il comma 4-ter con il quale si prevede che, “[...] in caso di concordato di risanamento, di accordo di ristrutturazione dei debiti omologato ai sensi dell’articolo 182-bis [...], ovvero di un piano attestato ai sensi dell’articolo 67, terzo comma, lettera d), [...], pubblicato nel registro delle imprese o di procedure estere equivalenti a queste, la riduzione dei debiti dell’impresa non costituisce sopravvenienza attiva per la parte che

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU