X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Dai sindacati proposte all’insegna dell’equità

Le associazioni presentano gli emendamenti al decreto «Cura Italia», chiedendo lo stesso trattamento riservato ad altre categorie produttive

/ REDAZIONE

Giovedì, 26 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Oltre al Consiglio nazionale di categoria, anche le associazioni sindacali dei commercialisti (ADC, AIDC, ANC, FIDDOC, SIC, UNAGRACO, UNGDCEC, UNICO) hanno presentato ieri, in forma congiunta, le proprie proposte di emendamento al decreto “Cura Italia”.

Con le modifiche contenute nel documento, inviato sia ai rappresentanti dell’Esecutivo che alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato, ci si propone quale obiettivo prioritario “ripristinare equità di misura tra imprese e professionisti, minata dalla presenza nel decreto di numerose norme impropriamente dedicate a una sola delle categorie produttive”.

Le associazioni, infatti, ricordano che i professionisti “rappresentano una significativa parte dell’economia del Paese”, e mai come in questo momento, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU