X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

La sospensione dei contributi non è derogata dalla trattenuta del datore

Col messaggio n. 1373 di ieri l’INPS adegua le indicazioni contenute nella circolare n. 37 del 12 marzo 2020

/ REDAZIONE

Giovedì, 26 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con il messaggio n. 1373 pubblicato ieri l’INPS è nuovamente tornato sulla propria circolare n. 37/2020 sulla sospensione degli adempimenti e dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e, in particolare, sulla quota a carico dei lavoratori dipendenti, dopo il comunicato stampa del 21 marzo 2020 (si veda “Sospeso anche il versamento dei contributi trattenuti al lavoratore” del 23 marzo 2020).

In particolare, si specifica che, dato che l’art. 61, commi 2 e 5 del DL 18/2020 ha esteso quanto previsto dall’art. 8, comma 1, lett. b) del DL 9/2020 ad una serie di attività che, per quanto tassativamente individuata, amplia in maniera importante l’originaria delimitazione della disciplina e che lo stesso articolo è espressione del carattere emergenziale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU