X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

La consecuzione tra procedure pone dubbi sul compenso al commissario giudiziale

Con il fenomeno di «successione» di concordati preventivi o di fallimento dichiarato non in consecutio si registrano incertezze sul trattamento

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 26 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso in cui a un concordato preventivo faccia seguito un fallimento “in consecuzione” (ossia dichiarato, indipendentemente dal nesso temporale, sui medesimi presupposti della procedura minore), compete al commissario giudiziale un compenso distinto e autonomo rispetto a quello del curatore – anche se il medesimo professionista ha assunto entrambi i ruoli – e la prededucibilità di tale compenso è da sempre oltremodo pacifica.

Nell’attuale contesto, caratterizzato dalla contrazione del realizzo dell’attivo nelle procedure concorsuali, sono necessarie alcune premesse circa il soddisfo del compenso (prededucibile) del commissario giudiziale nel fallimento dichiarato in consecutio, anche al fine di fornire la successiva soluzione in ipotesi di mancanza di consecuzione. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU