X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Per la CIGD ad aziende plurilocalizzate rilevano anche le unità operative

Il Ministero del Lavoro introduce «forzature» rispetto ai concetti di unità produttiva e unità operativa

/ Paolo BONINI

Mercoledì, 15 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circolare n. 8/2020 del Ministero del Lavoro, pubblicata l’8 aprile, riepiloga la normativa emergenziale in materia di integrazione salariale prevista dal DL 18/2020.
Il documento, dopo aver dato conto delle caratteristiche peculiari degli interventi previsti in relazione al COVID-19, si sofferma in particolare sulle modalità di accesso alla cassa integrazione ordinaria da parte delle aziende che hanno in corso trattamenti di CIGS nonché sui trattamenti di CIG in deroga per le aziende cosiddette “plurilocalizzate”, ossia quelle che hanno sedi di lavoro ubicate in più di 5 Regioni o Province autonome, che devono presentare le domande al Ministero stesso (art. 22 del DL 18/2020).

Sono due gli aspetti che catturano l’attenzione. Il primo riguarda la stessa definizione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU