X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Le misure di sostegno alla liquidità complicano la ristrutturazione del debito

Se subentra il garante, il credito diventa privilegiato e quindi non falcidiabile

/ Marco PEZZETTA

Lunedì, 20 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il DL 23/2020 consente l’accesso alla garanzia di SACE per complessivi 200 miliardi di euro, di cui non meno di 30 da destinare alle garanzie su finanziamenti erogati alle PMI. Come evidenziato da ABI nella circolare del 9 aprile 2020, le PMI, per accedere alla garanzia SACE, devono aver prima esaurito il plafond disponibile del Fondo di Garanzia di cui all’art. 2, comma 100 della L. 662/1996 costituito presso il Mediocredito centrale.

Anche l’operatività del Fondo PMI è stata ampliata dal DL 23/2020. Potranno accedervi soggetti fino ad ora esclusi, quali le imprese che al momento della richiesta hanno esposizioni segnalate “inadempienze probabili” (unlikely to pay, UTP) o “scadute o sconfinanti deteriorate” (past due), purché tale classificazione non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU