X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 2 agosto 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Gli atti prorogati vanno firmati entro fine anno

Non basta la generica stampa del sistema interno alle Entrate

/ Dario AUGELLO

Martedì, 26 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il DL 34/2020 dispone una nuova proroga straordinaria dei termini di accertamento, che supera quanto previsto dall’art. 67, comma 4 del DL 18/2020 e concerne unicamente gli atti di cui all’art. 157 comma 1.
L’art. 157, comma 1 stabilisce infatti che, in deroga alle norme statutarie, gli atti di accertamento, liquidazione, contestazione, irrogazione della sanzione e recupero dei crediti d’imposta, per i quali i termini di decadenza scadono tra il 9 marzo e il 31 dicembre 2020, possono essere emessi fino al 31 dicembre 2020.
Con riferimento a tali atti, che possono essere validamente emessi entro fine anno, è previsto che la notifica al contribuente avvenga nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2021.

Come detto, l’art. 157 comma 1 supera quanto disposto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU