X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Definizione al terzo applicabile al contributo unificato

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 2 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 16 comma 1-bis del DPR 115/2002 sancisce: “In caso di omesso o parziale pagamento del contributo unificato, si applica la sanzione di cui all’articolo 71 del testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, esclusa la detrazione ivi prevista”.

Opera quindi la sanzione sull’occultazione di corrispettivo per l’imposta di registro, norma che, a sua volta, prevede una pena dal 100% al 200% dell’imposta dovuta.
Il contributo unificato è un’entrata avente natura tributaria, quindi non dovrebbero sorgere dubbi sull’applicabilità delle norme generali del DLgs. 472/97, salvo tali norme siano espressamente derogate dal DPR 115/2002.
Se quanto appena

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU