X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Società semplice da trasformazione regressiva non sempre fallibile nell’anno

Ciò se prosegue l’attività; altrimenti, il termine decorre dalla cancellazione dalla sezione ordinaria, anche in caso di iscrizione nella sezione speciale

/ Antonio NICOTRA

Sabato, 30 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 10302, depositata ieri, la Corte di Cassazione ha stabilito che, nell’ipotesi di trasformazione “regressiva” di una società di capitali in società semplice, con conseguente cancellazione della società trasformata dalla sezione ordinaria del Registro delle imprese e iscrizione della società derivata dalla trasformazione nella sezione speciale, il termine annuale, ai fini della dichiarazione di fallimento di cui all’art. 10 del RD 267/42, decorre dalla data di cancellazione. Tuttavia, se la società semplice (ss) derivante dalla trasformazione prosegue l’attività di impresa –  concretizzando una trasformazione finalizzata a sottrarsi alla fallibilità – assume le vesti di società irregolare e, in tal caso, il termine decorre dall’effettiva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU