X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 13 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Dalle banche «muro di burocrazia» sui finanziamenti alle imprese

Sondaggio tra i commercialisti: quasi tutte le imprese hanno provato a chiedere dei prestiti ma ottenerli è sempre più complicato

/ REDAZIONE

Giovedì, 4 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La quasi totalità delle imprese italiane ha provato a richiedere prestiti per poter fronteggiare le difficoltà prodotte dal diffondersi della pandemia e dal conseguente lockdown ma, nella stragrande maggioranza dei casi, hanno dovuto fare i conti con istituti di credito che hanno alzato un “muro di burocrazia”, richiedendo adempimenti aggiuntivi e dilatando i tempi di evasione delle pratiche.

È quanto emerge da un sondaggio realizzato da Confprofessioni e UNGDEC, che hanno chiesto a 900 commercialisti (consulenti di oltre 15 mila imprese) quale fosse lo stato dell’arte sui finanziamenti con garanzia statale previsti dal decreto “Liquidità”.

Il provvedimento prevede una garanzia al 100% per i finanziamenti fino a 25 mila euro, senza alcuna valutazione del merito

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU