X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Ritenute sui dividendi nei calcoli dei tax rate

/ Gianluca ODETTO

Sabato, 6 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le regole di tassazione degli utili provenienti da partecipate estere non comunitarie si rinvengono nel “nuovo” art. 47-bis del TUIR. Limitando l’analisi ai casi di controllo, tali partecipate si considerano a regime fiscale privilegiato se il livello di tassazione effettiva è inferiore al 50% di quello italiano: verificandosi tale condizione, gli utili sono assoggettati a tassazione in modo integrale, e non nel limite del 5%.

Se la partecipata svolge attività “operative” (industriale, commerciale, ecc.), e le operazioni avvengono extragruppo, al di là della bassa (o nulla) fiscalità nello Stato di insediamento non vi sono problemi di imputazione dei redditi ai sensi dell’art. 167 del TUIR, ma resta invece il problema della tassazione dei proventi all’atto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU