ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Rivalutati i coefficienti di trasformazione del montante contributivo

/ REDAZIONE

Mercoledì, 17 giugno 2020

x
STAMPA

Con il comunicato pubblicato ieri, il Ministero del Lavoro informa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 1 giugno 2020, emanato di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, riguardante la revisione biennale dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo, i quali entreranno in vigore a decorrere dal 1° gennaio 2021.

In realtà il DM 1 giugno 2020 riportava nel titolo la dicitura “Revisione triennale dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo”. L’errore è stato comunque corretto attraverso un comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 150 del 15 giugno 2020.
Ciò premesso, il decreto in commento aggiorna sia la Tabella A contenuta nell’allegato 2 della L. 247/2007 sia la Tabella A della L. 335/1995.

Rispetto a quanto stabilito con il DM 15 maggio 2018, si evidenzia una riduzione dei coefficienti di trasformazione; ad esempio, per chi accede alla pensione a 57 anni il coefficiente si riduce da 4,20% a 4,186%, oppure, per chi va in pensione a 71 anni il coefficiente passa dal 6,513% al 6,466%.

Tenuto conto che con il sistema di calcolo contributivo l’importo della pensione annua si ottiene moltiplicando il montante individuale dei contributi per il corrispondente coefficiente di trasformazione, le pensioni decorrenti dal 1° gennaio 2021 vedranno una quota contributiva più bassa.

TORNA SU