X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Impossibile richiedere il prolungamento del tirocinio a distanza perché non esaustivo

/ REDAZIONE

Sabato, 27 giugno 2020

x
STAMPA

Il dominus non può richiedere il prolungamento del periodo di pratica del proprio tirocinante in ragione della considerazione che l’avvenuta effettuazione del tirocinio medesimo secondo modalità a distanza “non è stata esaustiva”.

È questa la conclusione cui giunge il CNDCEC con il P.O. del 3 giugno 2020 n. 60, precisando che la possibilità per i tirocinanti di svolgere il tirocinio secondo modalità a distanza – contemplata dal CNDCEC nell’Informativa del 10 marzo 2020 n. 20 ed espressamente sancita dal MIUR con il DM 38/2020, seguito dall’Informativa del 27 aprile 2020 n. 38 del Consiglio nazionale – è resa necessaria dall’emergenza sanitaria in corso, a causa della quale non dev’essere pregiudicata la possibilità di continuare a svolgere il tirocinio per l’accesso all’esame di abilitazione.

Si ricorda, tra l’altro, che la sede di valutazione del tirocinio effettuato – e, quindi, della sua “esaustività” – è esclusivamente l’esame di Stato; il dominus, infatti, deve semplicemente attestare lo svolgimento del tirocinio medesimo – nel caso di specie, secondo le modalità a distanza – presso il proprio studio professionale.

TORNA SU