X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Induttivo puro salvo anche senza i requisiti di legge

Il giudice, secondo la Cassazione, comunque deve esaminare il merito della lite

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 3 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In presenza di circostanze particolarmente gravi, tipo l’omessa dichiarazione, la mancata risposta ai questionari o la complessiva inattendibilità della contabilità, gli uffici finanziari, come espressamente ammettono gli artt. 39 comma 2 del DPR 600/73 e 55 del DPR 633/72, possono determinare il reddito e le intere operazioni imponibili mediante l’accertamento induttivo “puro”.

A fronte di fatti così gravi come l’omessa dichiarazione, è concesso un minor rigore probatorio, non a caso gli uffici potranno determinare il reddito o le operazioni imponibili prescindendo dalle scritture contabili, utilizzando qualsiasi dato pervenuto alla loro conoscenza e mediante ausilio di presunzioni anche non gravi, precise e concordanti (in gergo si parla di presunzioni non qualificate ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU