X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Successione e donazione d’azienda favorite anche in ambito di tassazione indiretta

Oltre all’esenzione per i passaggi intrafamiliari, le fattispecie conoscono e condividono criteri di valorizzazione di favore per il contribuente

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Venerdì, 10 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il trasferimento a titolo donativo o mortis causa di un’azienda individuale, qui assunta per ipotesi commerciale, è visto con particolare favore dal legislatore fiscale non solo sul fronte delle imposte sui redditi (si veda “Trasferimento gratuito d’azienda con disciplina di favore ai fini delle imposte sui redditi” del 24 aprile 2020), ma anche su quello della tassazione indiretta: ferma restando la fattispecie di esenzione riportata dall’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/90, infatti, le modalità di relativa valorizzazione sono costantemente ispirate a criteri di vantaggio per il contribuente.

L’art. 8 comma 1-bis del DLgs. 346/90, introdotto dall’art. 1 comma 78, lett. b) della L. 27 dicembre 2006 n. 296, riporta innanzitutto, ai fini dell’imposta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU