X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rendita vitalizia deducibile se è iscritto l’avviamento all’acquisizione d’azienda

Diversamente non sarebbe deducibile per il concessionario che la considera come un costo di gestione

/ Salvatore SANNA

Venerdì, 10 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 14572, depositata ieri, la Cassazione è intervenuta sulla cessione di una farmacia, analizzando se il corrispettivo concordato costituendo a favore del cedente una rendita vitalizia, costituisce un costo deducibile dai ricavi dell’impresa cessionaria.

L’ordinanza in commento richiama quanto sancito dalla precedente ordinanza n. 17181/2018 la quale, in merito al regime fiscale del cessionario dell’azienda, ha affermato che l’ammontare della rendita vitalizia erogato come corrispettivo a seguito dell’acquisizione non costituisce un costo di gestione deducibile ai sensi dell’art. 109 del TUIR. Esso trova “esaustiva rilevanza fiscale quale onere non già dell’esercizio, bensì di acquisizione dell’azienda. Così da rilevare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU