X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rettifica IVA obbligatoria se il bene resta utilizzato per sole operazioni esenti

Tale situazione va distinta da quella in cui il bene è stato destinato a operazioni imponibili che non si sono mai realizzate

/ Corinna COSENTINO

Venerdì, 10 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il soggetto passivo IVA che abbia acquisito il diritto alla detrazione in relazione alla costruzione di un bene d’investimento, utilizzato in un primo momento sia per operazioni esenti che per operazioni soggette a imposta, è tenuto a rettificare la detrazione iniziale qualora successivamente, anche per ragioni indipendenti dalla sua volontà, le operazioni imponibili siano cessate e questi abbia continuato a impiegare il bene per le sole operazioni esenti.

È quanto si evince dalla sentenza della Corte di Giustizia Ue di ieri, relativa alla causa C-374/19 (Finanzamt Bad Neuenahr-Ahrweiler), con la quale i giudici comunitari si sono pronunciati in merito alla rettifica della detrazione IVA operata da una società in relazione alla costruzione di una caffetteria annessa a una casa di riposo.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU