X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Bonus sanificazione e adeguamento con tempistiche diverse

I tempi differenti incidono sulla corretta gestione dell’utilizzo diretto da parte del beneficiario ovvero per la cessione a terzi

/ Sandro CERATO

Giovedì, 16 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella gestione dei crediti d’imposta, introdotti dal decreto “Rilancio”, sul cui Ddl. di conversione questa mattina è prevista in Aula al Senato la discussione generale sulla fiducia posta dal Governo, per l’adeguamento degli ambienti di lavoro (art. 120 del DL n. 34/2020) e per la sanificazione (art. 125 del DL n. 34/2020), è necessario prestare particolare attenzione ai tempi e alle modalità per l’utilizzo in compensazione o la cessione a terzi (facoltà quest’ultima prevista dall’art. 122 del DL n. 34/2020).

Nonostante il provvedimento direttoriale del 10 luglio scorso abbia approvato un unico modello di comunicazione all’Agenzia delle Entrate delle spese sostenute per fruire dei citati crediti d’imposta (sia pure con due sezioni distinte), ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU