X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Soggetti passivi alla cassa per il versamento del saldo IVA relativo al 2019

Occorre versare l’intero importo o la metà dello stesso in un’unica soluzione o in forma rateale

/ Mirco GAZZERA e Massimo NEGRO

Lunedì, 7 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Entro mercoledì 16 settembre 2020, i soggetti passivi che hanno beneficiato della sospensione dei termini per i versamenti IVA prevista dagli artt. 61 e 62 del DL 18/2020 (conv. L. 27/2020) e dall’art. 18 del DL 23/2020 (conv. L. 40/2020) sono tenuti a versare quanto dovuto (o la metà dell’importo) in un’unica soluzione oppure la prima rata, in caso di pagamento rateale.

Tenuto conto dell’ulteriore rateizzazione prevista dall’art. 97 del DL 104/2020, la circ. Agenzia delle Entrate n. 25/2020 (§ 3.4) ha chiarito che i predetti versamenti sospesi con scadenza nei mesi di marzo, aprile e maggio 2020 (fra i quali, il saldo IVA per l’anno 2019) possono essere effettuati, senza l’applicazione di sanzioni e interessi:
- per intero entro il 16 settembre 2020 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU