X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 25 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Gettito IRPEF, i commercialisti replicano alla UIL

Il CNDCEC risponde al sindacato, che ha chiesto una riforma fiscale per tagliare le tasse soprattutto a dipendenti e pensionati

/ REDAZIONE

Venerdì, 28 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Botta e risposta tra Consiglio nazionale dei commercialisti e UIL sul tema della riforma fiscale. Due giorni fa, a sostegno della tesi dell’iniquità dell’attuale sistema di prelievo, il sindacato guidato da Domenico Proietti ha diffuso uno studio relativo alle dichiarazioni dei redditi 2018.

Secondo tale ricerca, il 94,7% del gettito IRPEF è versato da lavoratori dipendenti (60,3%) e pensionati (34,4), mentre “solo” il 5,3% del gettito netto fa capo ad altre tipologie di contribuenti. Secondo il Segretario Confederale della UIL tali dati dimostrerebbero l’iniquità del sistema fiscale e la necessità di varare una riforma “che tagli le tasse a chi le paga, vale a dire lavoratori dipendenti e pensionati, attraverso un significativo aumento delle detrazioni”.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU