X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 29 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

La vendita fondiaria non è attivo realizzato dal curatore

Il prezzo ricavato è considerato ai fini del calcolo del compenso se è stata svolta un’attività concretamente utile per i creditori

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 1 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il diritto del curatore all’onorario per l’opera prestata trova fonte normativa nel primo comma dell’art. 39 del RD 267/1942 (trasfuso, in perfetta continuità, nel primo comma dell’art. 137 del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, recato dal DLgs. 14/2019) e nelle disposizioni da esso richiamate.

Il compenso è l’unica retribuzione che può essere concessa al curatore, con criteri attualmente stabiliti dal decreto del Ministero della Giustizia 30/2012, da applicarsi a tutte le procedure, anche pendenti alla data della sua entrata in vigore.
Le percentuali per il compenso del curatore si calcolano sul totale dell’attivo realizzato e sul totale del passivo accertato, in misura decrescente e con margini di variabilità tra minimi e massimi,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU