Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Motivazione della sentenza non sempre censurabile in Cassazione

/ Dario AUGELLO e Gabriella DE MATTIA

Sabato, 14 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quando si rimane soccombenti nel giudizio di secondo grado instaurato dinanzi alla Commissione tributaria regionale e si è insoddisfatti della motivazione della sentenza, occorre chiedersi quali vizi possano essere denunciati davanti alla Corte di Cassazione. Infatti, lasciando in disparte la correttezza della decisione nel senso di conformità alla legge, la sentenza di secondo grado può essere criticata (anche) sotto il profilo della completezza.

Le omissioni commesse dal giudice d’appello che a oggi possono essere censurate in Cassazione sono il frutto di una modifica normativa, avvenuta con l’art. 54 del DL 83/2012 convertito, per effetto della quale è stato sostituito il n. 5) del comma 1 dell’art. 360 c.p.c.
Prima della riforma, l’art. 360, comma 1, n. 5) prevedeva: ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU