X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

LAVORO & PREVIDENZA

Inammissibili le questioni di legittimità sui licenziamenti collettivi

La Corte d’Appello di Napoli non ha motivato in modo adeguato la rilevanza e la non manifesta infondatezza né ha chiarito l’intervento richiesto

/ Giada GIANOLA

Venerdì, 27 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ieri, 26 novembre 2020, sono state depositate le motivazioni della sentenza n. 254, con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibili le questioni sollevate dalla Corte d’Appello di Napoli con l’ordinanza del 18 settembre 2019 sulla disciplina dei licenziamenti collettivi contenuta nel DLgs. 23/2015 all’art. 10.

Si ricorda che il suddetto decreto legislativo ha introdotto nel nostro ordinamento il c.d. contratto a tutele crescenti, il quale si applica ai lavoratori assunti a tempo indeterminato a decorrere dal 7 marzo 2015 che rivestano la qualifica di operai, impiegati o quadri (art. 1, comma 1 del DLgs. 23/2015).

In riferimento ai licenziamenti collettivi, l’art. 10 del citato DLgs. 23/2015 stabilisce che, in caso di mancata osservanza della forma scritta, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU