ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Controversie internazionali con rinuncia alla lite

La conciliazione sembra la via più opportuna, in caso di accordo tra gli Stati

/ Dario AUGELLO e Paolo GIOVANNINI

Mercoledì, 9 dicembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito delle procedure internazionali per l’eliminazione delle doppie imposizioni dovute, tra l’altro, a rettifiche dei prezzi di trasferimento, le imprese residenti in Italia possono chiedere che sia avviata la procedura amichevole prevista dall’art. 6 della Convenziona arbitrale 90/436/Cee.

In Italia la procedura amichevole può essere avviata dall’impresa che ha ricevuto un PVC o un avviso di accertamento. Ai fini della procedibilità dell’istanza non è richiesto che l’atto sia impugnato. Viceversa, la procedura amichevole è compatibile con la pendenza di una lite sull’avviso di accertamento, che può anche essere sospesa ex art. 39, comma 3-ter del DLgs. 546/92, finché non sia intervenuta una sentenza.

Inoltre la procedura amichevole è compatibile, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU