X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Esclusa la difesa del fallimento per il curatore

/ Antonio NICOTRA

Venerdì, 15 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella procedura fallimentare, a norma dell’art. 31 del RD 267/42, il curatore è l’organo deputato all’amministrazione del patrimonio e al compimento di tutte le operazioni sotto la vigilanza del giudice delegato e del comitato dei creditori, nell’ambito delle funzioni a esso attribuite.

Salvo alcune eccezioni, il curatore non può stare in giudizio senza l’autorizzazione del giudice delegato, sebbene la giurisprudenza abbia chiarito che la mancanza di autorizzazione per l’attività processuale svolta nell’interesse del fallimento è suscettibile di sanatoria, con effetto ex tunc, anche mediante successiva autorizzazione, resa in corso di giudizio, purché l’inefficacia degli atti non sia stata, nel frattempo, già accertata e sanzionata dal giudice ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU