X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

I beni oggetto dell’appalto non rilevano ai fini del controllo delle ritenute

Come indicato dall’Agenzia delle Entrate nella consulenza giuridica n. 1 del 2021, non si tratta infatti di beni strumentali

/ Caterina MONTELEONE e Massimo NEGRO

Venerdì, 15 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta alla consulenza giuridica n. 1 del 14 gennaio 2021, chiarisce il concetto di “strumentalità” dei beni di proprietà del committente, adoperati nello svolgimento della prestazione nell’ambito di un contratto di affidamento a terzi di opere e servizi, ai fini dell’applicazione della disciplina di cui all’art. 17-bis del DLgs. 241/97, precisando che tale requisito deve “essere valutato avendo riguardo agli effettivi beni strumentali utilizzati dal commissionario per lo svolgimento del lavoro (...), ad esempio, l’attrezzatura necessaria per smontare e rimontare”. Accogliendo la soluzione prospettata dall’istante, l’Agenzia delle Entrate afferma che non si applica l’art. 17-bis del DLgs.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU