X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 9 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’esigenza del bilancio in pareggio non giustifica fatture per operazioni inesistenti

Per il reato basta il dolo eventuale, ovvero accettare il rischio che la presentazione della dichiarazione possa comportare l’evasione

/ Stefano COMELLINI

Sabato, 16 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 1724 depositata ieri, la Cassazione ha affermato che l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti non può essere giustificato dalla mera esigenza di portare il bilancio d’esercizio in pareggio, essendo sufficiente, per integrare il reato di cui all’art. 2 del DLgs. n. 74/2000, il dolo eventuale, ovvero l’accettazione del rischio che la presentazione della dichiarazione, con documenti per operazioni inesistenti, possa comportare l’evasione delle imposte.

Il fatto, in verità dai tratti inconsueti, giunto all’esame della Corte riguardava l’amministratore della società X che dopo aver erogato un congruo finanziamento a favore della società Y aveva constatato, a seguito della messa in liquidazione di quest’ultima, la sostanziale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU